Facebook per il fundraiser

Facebook_New_Logo_(2015).svg

Navigando nel web trovo sempre post che insegnano come si usa Facebook per fare fundraising, accompagnati da proposte di strategie di raccolta fondi e analisi di quanto si raccoglie attraverso questo social network.

Ma vi siete mai chiesti, cari Fundraiser, come ottenere il massimo dal vostro Facebook?

L’idea non è mia, ma è nata da un post di Riccardo Esposito che trovate QUI, che vuole riprendere in considerazione questo social network senza ridurlo a mero strumento mangia tempo, adatto solo alla condivisione di gattini e criceti che divorano carote.

La domanda da cui sono partita per questo post è: come uso io Facebook.

Facendo un’analisi di quello che condivido quotidianamente, mi sono resa conto che sì anche io ho la passione per i gattini (adoro i gatti!), ma accanto a queste frivolezze nel tempo ho imparato a selezionare le fonti e le pagine, scegliendo di vedere nella mia home page quelle più interessanti, che mi diano informazioni riguardo al mondo non profit e al fundraising.

Oltre a questo poi esiste un secondo tipo di selezione: le amicizie.

Onestamente non sempre sono interessata a condividere le depressioni altrui oppure le telecronache della vita degli altri, ho scelto quindi di puntare su chi mi arricchisce la bacheca, e quindi anche la mia vita on line, con cose utili e interessanti. 

Per le pagine ad esempio un trucchetto molto semplice è questo:

Basta scegliere se le volete visualizzare tra le prime informazioni sulla vostra home, in modo da non perdervi nessuna informazione. Se poi volete scoprire come fare a metterle ai primi posti, vi rimando sempre al post di Riccardo Esposito che è molto chiaro in proposito.

Facendo un check delle pagine che seguo, a fianco delle ONP più o meno famose, seguo anche pagine generiche, fundraiser, pagine di blog…insomma loro:

A completare tutto questo ci sono poi i gruppi, ottimi strumenti di contatto e networking come ad esempio:

  • Fundraising non importa come lo dici ma come lo fai – Ideato da Riccardo Friede, dove potete incontrare molti fundraiser e scambiarvi idee su campagne, problemi di rendicontazione, progetti, bandi…insomma: qui ogni dubbio è lecito e ogni scoperta è ben accetta. Ideale se siete fundraiser in piccole e medie organizzazioni, dove dovete fare Fundraising, ma occuparvi anche di stoccare camion pieni di cibo, abiti…insomma dove il fundraiser a volte diventa un factotum.
  • Fundraisers d’Italia – è il gruppo di networking, incontro dei Fundraiser italiani. Un luogo dove incontri i colleghi e puoi anche qui scambiarti idee sul fundraising e non solo.

Aggiungo inoltre che con i colleghi del master cerchiamo di mantenere un contatto costante, non solo per aggiornarci a vicenda su quello che stiamo facendo, ma per condividere suggerimenti e strategie che mettiamo in pratica o che vediamo sono vincenti.

Riassumendo: Facebook può essere sì il più grande strumento mangia tempo, attaccabrighe del mondo, ma come tutti gli strumenti se viene utilizzato bene serve anche lui a qualcosa! Non trovate? E’ un po’ come un coltello, puoi usarlo in cucina, ma puoi anche usarlo per fare del male, tutto sta appunto a come lo usi.

Il consiglio è: adattiamo Facebook alle nostre esigenze, perché spesso si rivela uno strumento molto, molto, molto utile.

E voi come usate il vostro Facebook?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *